Tag Archives: Fes

Quel desiderio di infinito

Per prendere confidenza con una città straniera é necessario disporre di un luogo appartato, un luogo su sui si puo’ contare e dove si puo’ restare soli quando la confusione delle voci nuove e incomprensibili diventa troppo grande. Questo luogo ha da essere tranquillo e silenzioso, nessuno deve vederci quando in esso cerchiamo riparo, e neanche quando poi decidiamo di lasciarlo. La cosa più bella é sparire in un vicolo senza uscita, fermarsi davanti ad un portone di cui si ha la chiave in tasca e aprirlo senza che anima viva ci possa sentire.

(da Elias Canetti – Le voci di Marrakech”)

“Gli arabi adorano sentirsi sperduti. E’ stato interpretato come un desiderio di riprodurre l’infinito.”

(Anaïs Nin – Diario III 1934-1939)

(immagine, link, parole… niente è per caso, tutto legato a una singola parola che schiude mondi. Un nuovo tag, anche e non solo. فاس)

httpv://www.youtube.com/watch?v=Yi52HjJbwVQ